La farmacia al “San Gaetano” dei fratelli Zanetti ha origini antiche.
Due sono i documenti che con maggiore sicurezza ci danno testimonianza della fondazione.

Se leggiamo il “Rapporto al governo del cancelliere censuario Angelo Gennari di Lendinara sugli avvenimenti del giorno 8 luglio 1809” conservato presso l’archivio del Comune di Lendinara, incontriamo la testimonianza della presenza di un certo “speziale Zanetti”:

“mi portai alla casa dello speziale Zanetti ove fui accolto con ospitalità e ivi mi trattenni per qualche ora” […] “Ripreso vigore partii dalla casa Zanetti” […]

L’autore della cronaca trova rifugio nella casa dello speziale Zanetti, situata vicino alla propria lungo la riviera dell’Adigetto. L’autore era in fuga da un gruppo di facinorosi che in quel giorno drammatico per la nostra città distrussero molta parte dei documenti dell’amministrazione pubblica del tempo[1].

[1]          Dobbiamo ricordare che nel 1809 Lendinara faceva parte del Regno d’Italia, regno controllato da Napoleone, imperatore di Francia. Gli ufficiali pubblici erano il bersaglio dei cittadini che mal sopportavano il regime fiscale imposto ai paesi sotto l’influenza francese. Infatti, il motivo del tumulto del 9 luglio 1809 fu proprio l’istituzione dei dazi al consumo.

le fonti

le fonti

Se leggiamo il “Rapporto al governo del cancelliere censuario Angelo Gennari di Lendinara sugli avvenimenti del giorno 8 luglio 1809” conservato presso l’archivio del Comune di Lendinara, incontriamo la testimonianza della presenza di un certo “speziale Zanetti”:

“mi portai alla casa dello speziale Zanetti ove fui accolto con ospitalità e ivi mi trattenni per qualche ora” […] “Ripreso vigore partii dalla casa Zanetti” […]

L’autore della cronaca trova rifugio nella casa dello speziale Zanetti, situata vicino alla propria lungo la riviera dell’Adigetto. L’autore era in fuga da un gruppo di facinorosi che in quel giorno drammatico per la nostra città distrussero molta parte dei documenti dell’amministrazione pubblica del tempo[1].

[1]          Dobbiamo ricordare che nel 1809 Lendinara faceva parte del Regno d’Italia, regno controllato da Napoleone, imperatore di Francia. Gli ufficiali pubblici erano il bersaglio dei cittadini che mal sopportavano il regime fiscale imposto ai paesi sotto l’influenza francese. Infatti, il motivo del tumulto del 9 luglio 1809 fu proprio l’istituzione dei dazi al consumo.

istituita nell’anno 1791

Il secondo documento che fonda la nostra ricerca è l’Elenco delle Farmacie del Regno Lombardo-Veneto compilato secondo i termini del decreto governativo del 21 luglio 1838, n° 28343-2535.
In questo elenco figura come proprietario della Farmacia ANGELO ZANETTI, abilitato alla professione con diploma del Collegio Veneto il 22 maggio 1806; mentre il titolare è LUIGI ZANETTI;

Tra le osservazioni, l’Elenco del Governo austriaco ricorda che la farmacia Zanetti fu istituita fin dall’anno 1791.

Queste due sono le prime testimonianze che ci danno un’idea delle origini più antiche dell’attività di farmacisti svolta in Lendinara dalla famiglia Zanetti.

Successivamente nel 1862 la farmacia passò in proprietà agli eredi di Angelo Zanetti, e cioè: i coniugi ANTONIO ZANETTI, fu Angelo e MASSIMILIANA TOFFANELLO, i quali nel 1869 cedettero la proprietà dell’immobile ai sigg. ri Paolo Tasso e Francesco Arpalice.
In seguito fu ceduta nel 1894 ai fratelli Felice ed Antonio Franco, che nuovamente la vendettero nel 1910 all’avv. Lamberto Ciro Marchiori.

La proprietà della farmacia ritornò alla famiglia Zanetti nel 1917, quando il Dr. ANTONIO ZANETTI fu Giulio, laureato a Padova nel 1909, riacquistò la farmacia dall’avv. Marchiori. Durante il periodo 1869-1917 non mancarono i farmacisti in famiglia. Infatti il padre di Antonio, GIULIO ZANETTI si laureò in farmacia a Padova nel 1870, e conservò la titolarità della stessa farmacia nonostante i proprietari non fossero della famiglia.

Dal 1917 ANTONIO ZANETTI insieme al fratello GIUSEPPE ZANETTI, figli del precedente titolare Giulio, rilevarono in comproprietà la proprietà dell’immobile e del diritto di farmacia conservando unite le due proprietà fino al 1953, quando i fratelli decisero di dividere nuovamente la proprietà.
Il fratello più anziano Antonio, privo di eredi farmacisti conservò la proprietà dell’immobile, mentre Giuseppe assunse la proprietà del diritto di farmacia, conservato fino alla morte avvenuta nel 1966.

In seguito la proprietà del diritto di farmacia passò agli eredi di Giuseppe, MARIA ed ELENA ZANETTI, ed al figlio GIULIO ZANETTI, il quale assunse la titolarità provvisoria e la conduzione dell’attività fino al 1970, anno della sua prematura scomparsa.

La proprietà andò agli eredi di Giulio, la moglie AURORA TODISCO, ed ai figli MADDALENA, GIUSEPPE e PATRIZIA ZANETTI.

Dal 1984 la titolarità della Farmacia è stata assunta da Maddalena, laureata a Padova nel 1980, coadiuvata dal fratello Giuseppe e dalla sorella Patrizia.

Dal 2012 la titolarità della Farmacia è passata alla società di cui i fratelli sono unici soci e la direzione della Farmacia è passata alla Dott.ssa Patrizia.

Maddalena, Patrizia e Giuseppe Zanetti

Maddalena, Patrizia e Giuseppe Zanetti

Dal 1917 ANTONIO ZANETTI insieme al fratello GIUSEPPE ZANETTI, figli del precedente titolare Giulio, rilevarono in comproprietà la proprietà dell’immobile e del diritto di farmacia conservando unite le due proprietà fino al 1953, quando i fratelli decisero di dividere nuovamente la proprietà.
Il fratello più anziano Antonio, privo di eredi farmacisti conservò la proprietà dell’immobile, mentre Giuseppe assunse la proprietà del diritto di farmacia, conservato fino alla morte avvenuta nel 1966.

In seguito la proprietà del diritto di farmacia passò agli eredi di Giuseppe, MARIA ed ELENA ZANETTI, ed al figlio GIULIO ZANETTI, il quale assunse la titolarità provvisoria e la conduzione dell’attività fino al 1970, anno della sua prematura scomparsa.

La proprietà andò agli eredi di Giulio, la moglie AURORA TODISCO, ed ai figli MADDALENA, GIUSEPPE e PATRIZIA ZANETTI.

Dal 1984 la titolarità della Farmacia è stata assunta da Maddalena, laureata a  Padova nel 1980 e che tutt’ora conduce l’attività coadiuvata dal fratello Giuseppe e dalla sorella Patrizia.

Dal 2012 la titolarità della Farmacia è passata alla società di cui i fratelli sono unici soci e la direzione della Farmacia è passata alla Dott.ssa Patrizia.